Womenonbike

Coronavirus e moto: quali spostamenti sono permessi

La primavera è ufficialmente cominciata, la voglia di andare in moto è tanta ma purtroppo il Coronavirus ancora dilaga.

Posso quindi spostarmi in moto o meno dopo l’ ultimo decreto legge?

 

Il governo Draghi con il decreto-legge n. 30 del 13 marzo 2021 ha disposto nuove limitazioni per frenare la diffusione del Coronavirus. Le regioni, inoltre, variano colore di settimana in settimana a seconda dell’ indice di contagio.

E noi motociclisti, rispettosi delle regole e consci dell’ importanza di fermare la pandemia, stiamo mordendo il freno nella speranza di andare presto in moto.

La situazione attuale vede limitati gli spostamenti, compresi quelli in moto e scooter, che devono avere un valido motivo.

Vediamo cosa possiamo fare fino al 6 aprile 2021.

Primissima cosa: gli spostamenti in moto o scooter sono vincolati al colore della propria regione.

Regioni Arancio

Se siete in fascia arancio ci si può muovere in moto e scooter, all’interno del proprio Comune, tra le 5:00 e le 22:00, nel rispetto delle specifiche restrizioni previste per gli spostamenti verso le altre abitazioni private abitate.

Per gli spostamenti all’interno dello stesso comune, non sono richieste giustificazioni. Se avete dunque voglia di farvi una gita in moto o scooter, è concessa e senza giustificazione solo all’interno del proprio Comune. Poi dipende da quanto è grande il vostro comune, il mio è mignon e in 10 minuti avrei già fatto il perimetro del territorio in moto!

È possibile raggiungere altri Comuni, anche in moto o scooter solo se lo spostamento è giustificato da una delle tre cause:

  • comprovate esigenze lavorative
  • situazioni di necessità (anche per assistere parenti o amici non autosufficienti)
  • motivi di salute

Queste cause sono valide anche durante il coprifuoco, dalle 22:00 alle 5:00.

L’attività sportiva in moto è consentita? Sì, hai una licenza agonistica FMI. In questo caso ci si può allenare sia in un impianto chiuso come crossodromi e autodromi che su strada pubblica (per gli enduristi).

Per tutte le informazioni relative all’attività sportiva si può visitare il sito di Federmoto che dà ulteriori spiegazioni.

Un po’ di manutenzione e di coccole alla moto non fanno mai male

Regioni rosse

E se sono in zona rossa cosa posso fare con la mia moto? La risposta è (purtroppo!!) niente per ora.

Il coronavirus corre più veloce in questo momento delle nostre moto, e in zona rossa moto e scooter devono restare in garage, a meno che lo spostamento non sia giustificato comprovati motivi.

Ossia per coloro che proprio proprio proprio non resistono più a salire in sella, potete pensare di andare a lavorare con la vostra moto, o al più a fare la spesa (e quindi consiglio un capiente bauletto). Tali spostamenti dovranno in ogni caso avvenire scegliendo il tragitto più breve e con autocertificazione.

Di fatto sono vietati gli spostamenti per semplici giri in moto o scooter anche all’ interno del proprio comune. Anche le attività sportive di base e amatoriali sono vietate in zona rossa.

Quindi cari colleghi e colleghe motociclisti, per ora armiamoci di pazienza e coccoliamo la nostra due ruote preparandola per i futuri giri. Augurandoci  che la pandemia da Coronavirus rallenti (o meglio ancora termini!) il prima possibile, così torneremo presto in sella!

© 2021, MBEditore, riproduzione riservata.

Continua la lettura dell'articolo, registrati gratuitamente a Womenonbike

registrati o esegui il login