Womenonbike

Inverno. Come preparare la motocicletta per il rimessaggio

Molte di noi vivono in un clima in cui dobbiamo, purtroppo, mettere la nostra moto a nanna per l’inverno.

Uno stop forzato e che certo non ci rende felici,  ma determinate condizioni non permettono di vivere in maniera sicura la guida della moto.

Inverno. Se poi siete tra i fortunati (almeno per me) che vivono in località nevose.. ricordate che per legge è vietato circolare su strada con neve.

Il rimessaggio della nostra amata due ruote può avvenire sia all’interno che all’esterno: l’ ideale sarebbe un garage protetto, che sia riscaldato o meno.

Lasciare la motocicletta in piedi per molti mesi senza preparazione può avere gravi effetti collaterali. Il risultato è iniziare magari la stagione primaverile con costose spese di riparazione.  Seguendo la nostra guida su come preparare la motocicletta per il rimessaggio invernale, garantirai una cura adeguata per la tua motocicletta e un ottimo inizio per la prossima stagione di guida.

Un buon lavaggio

Il lavaggio della motocicletta consente di controllare elementi di fissaggio, bulloni, cavi, ecc. e scovare eventuali problemi di allentamento e usura. Dopo il lavaggio (fatto senza usare prodotti aggressivi), quando la moto è ben asciutta, utilizzare un lubrificante come WD40 o uno spray protettivo per metalli sul lato inferiore del telaio e sulle superfici esposte.

Uno strato sottile applicato su raccordi in gomma, tubi flessibili, sulle cromature o sulle parti metalliche aiuterà notevolmente a evitare che la ruggine intacchi le superfici, o che le plastiche “secchino”.  Utilizzare un lubrificante di qualità superiore e specifico sui cavi e sugli interruttori. 

Pulisci e lubrifica la catena

È stata (si spera!) una magnifica stagione quella appena conclusa. La tua moto ti ha regalato felicità a gogò macinando kilometri, che hanno accumulato sporco nella catena.

Prima di fermare la moto per l’ inverno, meglio rimuovere  lo sporco dalla catena. Una volta pulita, possiamo ingrassarla in vista del lungo inverno. Assicurati di lubrificare l’intera catena, utilizzando un prodotto specifico ed efficace.

Presta attenzione nel fare questo lavoro, e non svolgerlo mai a moto avviata, rischi di procurarti lesioni importanti a mani e dita.

Cambia l’olio e il filtro dell’olio

Cambiando l’olio (e cambiamo sempre il filtro allo stesso tempo!) eliminerai tutta la morchia e lo sporco prima che inizi a deteriorare le interiora della tua moto.

Il mio consiglio è di non usare l’olio di prima qualità più costoso disponibile, ma una buona via di mezzo.

Questo perché ti suggerisco di ricambiare l’olio nuovamente ad inizio primavera. Accendendo la moto e lasciando lavorare il motore per una decina di minuti, infatti, l’ olio scorrerà e ripulirà tutti i restanti residui e depositi creatisi in inverno.

A questo punto possiamo nuovamente cambiare l’ olio e metterne uno di alta qualità che ci accompagni per un bel po’ di kilometri.

E’ importante ricordarsi di usare solo l’ olio specificato dal produttore della moto per evitare danni. 

Svuota (o riempi) il serbatoio

Ci sono due metodi che puoi utilizzare per la cura del tuo serbatoio: lasciarlo pieno di carburante o svuotarlo.

Sarai tu a decidere qual è quello più idoneo per la tua situazione.

Alcuni scelgono di svuotare completamente il serbatoio, quindi avviare la moto e far esaurire la benzina rimasta. Attenzione però: un serbatoio vuoto può arrugginire all’interno a causa della condensa che si crea se la tua moto è posteggiata in un posto dove ci sono forti escursioni termiche. E’ anche vero che i serbatoi moderni sono trattati per prevenire questo problema.

Ricorda che comunque ci sono prodotti in commercio che puoi usare per rivestire l’interno del serbatoio per evitare questo problema.

L’ altra scuola di pensiero dice di lasciare il serbatoio pieno, proprio per evitare il formarsi di condensa e ruggine. Se prevedete uno stop lungo (superiore ai sessanta giorni) personalmente consiglio di svuotarlo, attendere che asciughi e richiuderlo.

Batteria e forcelle

Rimuovere la batteria e conservarla in un ambiente caldo e asciutto.

Utilizzare un caricabatteria. Puoi programmare una ricarica completa una volta al mese o semplicemente tenerla collegato per tutta la stagione a seconda del caricabatterie che hai.

Se non è una batteria sigillata, tieni d’occhio i livelli degli elettrodi in ciascuna cella della batteria e riempili con acqua distillata se si stanno scaricando.

Usando uno spruzzino, metti dell’olio specifico sugli steli della forcella anteriore.

Sali sulla moto e, tendendo il freno anteriore azionato, fai muovere su e giù la forcella. L’olio eviterà che le guarnizioni in gomma della forcella si secchino e ne proteggerà gli steli.

Liquidi

Se la tua moto è raffreddata a liquido, controlla il livello dell’antigelo.

Svuota, risciacqua e sostituisci il liquido del sistema di raffreddamento se necessario. È consigliabile sostituirlo comunque ogni due anni.

Non lasciare il livello dell’antigelo basso, dal momento che fare ciò potrebbe portare alla formazione di ruggine o alla corrosione dei componenti del sistema di raffreddamento.

Controlla anche il livello di tutti gli altri liquidi.

La pressione degli pneumatici

Assicurati che i tuoi pneumatici siano gonfiati correttamente: è preferibile gonfiarli un po’ più del necessario perché una bassa pressione dei pneumatici può danneggiarli durante l’inverno.

Se hai intenzione di riporre la moto in una situazione di freddo estremo, ad esempio all’ aperto, è preferibile che tu la sollevi tramite i cavalletti appositi per ridurre al minimo il carico sulle gomme ed evitare ad inizio stagione l’ effetto “spiattellamento”.

Controlla che la moto sia saldamente fissata. Se hai un cavalletto centrale, usalo. Se non hai cavalletti, per “ammorbidire” il peso della moto a terra puoi mettere delle assi di legno tra il tuo pneumatico e il terreno.

Copri lo scarico

Inserisci dei vecchi stracci nello scarico per evitare che i piccoli animali si riparino all’ interno durante l’inverno. Questo vale anche se fai rimessaggio al chiuso. Dentro lo scarico si possono annidare infatti insetti, piccoli roditori, anfibi ed a volte anche uccellini.

Mettila a nanna

In vista dell’ inverno usa una copertura traspirante (le coperture progettate specificatamente per moto sono le migliori!). Anche se riponi la moto al chiuso, utilizza una copertura in modo da non intrappolare l’umidità sulle superfici.

Dovrai evitare la condensa e garantire una buona ventilazione (ad esempio, avvolgere la moto in una copertura di plastica può causare condensa durante i cambiamenti di temperatura, non è l’ideale). Assicurati che la copertura che acquisti sia impermeabile, sopratutto se lasci il mezzo all’ aperto.

© 2020, MBEditore, riproduzione riservata.

Continua la lettura dell'articolo, registrati gratuitamente a Womenonbike

registrati o esegui il login