Womenonbike

#iorestoacasa a curare l’abbigliamento tecnico

Sembra ormai chiaro che rimarremo a casa ancora per un po’. Ciascuno di noi si sta occupando di tante cose, dalle più futili a quelle più utili. In questi giorni progetto grandi e piccoli itinerari. Ma #iorestoacasa anche a curare l’abbigliamento tecnico. Ho pensato di ripulire e metter via l’abbigliamento invernale con gli strumenti che ho a casa a mia disposizione.

Capi in pelle

#iorestoacasa a curare l’abbigliamento tecnico
Detersione di giacca in pelle

Giacche e pantaloni in pelle prima di essere riposte vanno pulite. Non è possibile in questi giorni portarli in lavanderia. Quindi “faccio da me”. Uso il latte detergente con i dischetti struccanti. Con leggeri movimenti circolari spargo poco latte detergente sui capi. Con altri dischetti imbevuti di acqua sciacquo il latte detergente. Alla fine tampono, sempre con movimenti morbidi, con un panno asciutto e pulito. Giacca e pantaloni riprendono la loro lucentezza. Per conservare nell’armadio i capi in pelle, se non ho più la custodia originale, ne cucio una in cotone. I capi in pelle circondati per mesi dalle custodie in plastica si rovinano. Le custodie in cotone evitano che si impolverino e consentono la traspirazione del capo.

Stivali in pelle

#iorestoacasa a curare l’abbigliamento tecnico
Pulizia stivali in pelle

In questi giorni #iorestoacasa a curare l’abbigliamento tecnico e metto via anche gli stivali invernali in pelle. Predispongo un “trattamento di bellezza” che durante l’anno non ho mai tempo di organizzare. Prima di tutto ripulisco gli stivali dalla polvere e da eventuali residui spazzolandoli energicamente. Successivamente cerco tra gli attrezzi di casa il lucido da scarpe tradizionale, quello in pasta cremosa nei vasetti. Anche quello nei tubetti va bene, ma è un po’ troppo liquido. Lo stendo con uno spazzolino (anche un vecchio spazzolino da denti) affinché il lucido possa arrivare anche nelle fessure tra suole e scarpone. Lascio asciugare e spazzolo energicamente. Infine lucido lo stivale con un panno morbido.

Se a casa non avete la pasta per la pulizia degli stivali è possibile farla in casa.

Basta sciogliere a bagno maria della cera d’api (quella neutra per lucidare i mobili in legno va benissimo) con poco olio d’oliva. Si utilizza quando si è raffreddata e indurita. Oppure basta strofinare lo stivale con la parte interna bianca della buccia di banana e poi lucidare con un panno. Anche mescolando la vaselina (di quella in tubetti) con gocce di olio di semi, si ottiene un buon preparato: basta strofinarlo con un panno sullo stivale e poi lucidare.

Giacche, pantaloni e guanti in Gore-Tex

#iorestoacasa a curare l’abbigliamento tecnico
Detersione della giacca in Gore-Tex

Se non avete a casa i detergenti appositi potete usare pochissimo sapone liquido per lana e delicati. Ciò che non va fatto è mettere i capi in lavatrice: rischiano di perdere l’impermeabilizzazione e, comunque di rovinarsi. Basta sciogliere poco detersivo ed acqua in una ciotola e strofinare con movimenti leggeri e circolari con una pezzuola. I capi vanno quindi sciacquati solo con acqua sempre con pezzuole pulite. In effetti possono essere sciacquati anche sotto acqua corrente, purché non si strapazzino troppo. Infine vanno stesi all’ombra. Possono poi essere riposti nelle loro custodie e nell’armadio.

Antipioggia

#iorestoacasa a curare l’abbigliamento tecnico
Antipioggia

Conviene ricordarsi di pulire anche gli indumenti anti-pioggia. Può succedere di averli lasciati nella loro custodia dopo l’ultimo giro in moto. Utilizziamo lo stesso procedimento che abbiamo impiegato per l’abbigliamento in Gore-Tex. È importantissimo non lavarli in lavatrice: la loro funzione di ripararci dalla pioggia sarebbe annullata!

#iorestoacasa a curare l’abbigliamento tecnico

Infine sostituisco nei cassetti le maglie anti-vento con le magliette estive, mi ricordo di mettere i sacchettini con le erbe profumate negli armadi e nei cassetti, con l’augurio di poter utilizzare al più presto l’abbigliamento estivo per un formidabile giro in moto!

© 2020, MBEditore, riproduzione riservata.

Continua la lettura dell'articolo, registrati gratuitamente a Womenonbike

registrati o esegui il login