Womenonbike
STRADA DELLA FORRA

Strada della Forra, l’ottava meraviglia del mondo

La Strada della Forra, uno scenografico itinerario sul Lago di Garda da godere ad andature moderate

La SP38 della Gardesana Occidentale, proclamata una delle strade più belle al mondo, si presenta con una spettacolare serie di curve e gallerie che dal lago di Garda sale verso l’altopiano di Tremosine, seguendo la forra scavata tra le rocce dal torrente Brasa. Realizzata nei primi anni del secolo scorso, la “Strada della Forra” fu definita da Wiston Churcill l’ottava meraviglia del mondo.

Per sentirsi James Bond

La strada della Forra, ben asfaltata, si incunea nella montagna, lungo la profonda spaccatura scavata dal torrente; 6 km di curve chiuse tra rocce e panorami mozzafiato a picco sul lago di Garda dove tra l’altro James Bond nel film “Quantum of Solace” semina con la sua Aston Martin i propri inseguitori .


E’ un giro molto suggestivo da fare in moto, occorre comunque fare attenzione in quanto in alcuni tratti la carreggiata è ridotta e le gallerie, abbastanza strette, non sono illuminate. Pertanto, nella parte centrale della Strada della Forra due semafori regolano il traffico a senso alternato.

STRADA DELLA FORRA

L’Hotel Paradiso

La Forra è una strada da percorrere lentamente in modo tale da ammirare gli orridi, i piccoli borghi, gli splendidi punti panoramici (dove ci si può fermare per fare spettacolari fotografie) per raggiungere, alla fine, la Terrazza del brivido di Tremosine. La terrazza, situata a 350 metri a picco sul lago di Garda, si trova presso l’Hotel Paradiso (Hotel Paradiso Ristorante, Bar, Pizzeria – Viale Europa 19, Tremosine sul Garda Brescia – telefono 0365 953012 – www.terrazzadelbrivido.it); l’accesso alla terrazza è gratuito anche se è gradita una consumazione presso il bar.

strada della forra
Percorrere in motocicletta la strada della Forra è un’esperienza assolutamente da fare: il piacere di ascoltare il rombo del proprio motore che rimbalza tra le pareti, respirare il profumo fresco ed umido proveniente dalle gallerie e dalla natura circostante, fermarsi in un piccolo anfratto per scattare foto spettacolari, sono emozioni impagabili che ritengo si possano provare esclusivamente in sella alla propria moto. 

© 2020, MBEditore, riproduzione riservata.

Continua la lettura dell'articolo, registrati gratuitamente a Womenonbike

registrati o esegui il login